Lyric Season 2017/18
Opera

La favorite

Gaetano Donizetti

 La Favorite, which premiered at the Académie Royale de Musique in Paris on 2 December 1840 is one of the most important works in Donizetti’s French period, the second work in the genre composed after Les Martyrs and before Dom Sébastien, roi de Portugal.  A Grand opéra which conquered Paris audiences, it is based on a powerful story which sees as protagonist the scandalous love of a king for his lover, the sincere love between the same favourite and a young man who is as courageous as he is innocent, the tragic epilogue in which passion and atonement are set against each other. Better known in the Italian version, the Maggio will be staging the French version, which differs for various melodic parts and a more “re-written” finale.

La favorite
Serious drama in four acts
Libretto by Alphonse Royer, Gustave Vaëz and Eugène Scribe from Les Amours malheureuses ou le Comte de Comminges by Baculard d'Arnaud (1790)
Music by Gaetano Donizetti
First performed: 2 December 1840 at Opéra de Paris, Paris

Staging of the Grand Teatre del Liceu in Barcelona

First performance in Florence in the original French version

Artists

Conductor
Fabio Luisi

Director
Ariel García Valdés

Scenes and costumes
Jean-Pierre Vergier

Light design
Dominique Borrini

Choir director
Lorenzo Fratini

Orchestra and Choir of the Maggio Musicale Fiorentino
Leonor de Guzman
Veronica Simeoni

Fernand
Celso Albelo/Anton Rositskiy (3/03)

Balthazar
Ugo Guagliardo

Inez
Francesca Longari

Don Gaspar
Manuel Amati
ATTO I
Nel convento di Santiago de Compostela il novizio Fernand rivela a padre Balthazar che è innamorato di una donna di cui non conosce né il nome né la condizione, e nonostante gli avvertimenti del padre superiore decide di abbandonare il convento per cercare la sua amata. Fernand la trova: è Leonore, che gli dice di amarlo, ma non potrà mai essere sua sposa. Inez avvisa i due che sta arrivando il re chiedendo a lui di andare via. Fernand crede che la donna sia corteggiata dal re Alphonse, anche se questi è sposato. Per compiacere l'amata decide di seguire la carriera militare.

ATTO II
Nei giardini d'Alcazar, Alphonse commenta con Don Gaspar la vittoria sugli infedeli, dove si è distinto il giovane Fernand. Anche se deve ricevere un messo dal papa, Alphonse riceve la sua amante Leonore, con cui da tempo ha una relazione. Leonore si ribella, stanca della sua relazione, e lo avvisa di non fare azioni sconsiderate, visto che Alphonse, per amor suo, ha deciso di ripudiare la moglie. Durante la festa che il re ha organizzato per Leonore, Alphonse scopre che Fernand ama la sua favorita, e lei gli rivela che è innamorata di un giovane di cui nasconde nome. Irrompe Balthazar, messo del papa, che minaccia il re, maledice Leonore, e consegna la bolla papale contenente la scomunica per Alphonse.

ATTO III
Alphonse, scoperto che Fernand ama Leonor, decide di farli sposare per rappacificarsi con la Chiesa. Leonor rimane interdetta, ma decide di confessare a Fernand il passato, e manda Inez a cercarlo. Inez viene arrestata da don Gaspar. Il re nomina Fernand marchese, e viene celebrato il matrimonio tra i due. Improvvisamente arriva Balthazar, e Fernand capisce che ha sposato l'amante del re, e lancia ingiurie su Alphone e Leonor, spezza la spada ai piedi del re, ed esce con il padre Balthazar.

ATTO IV
Nel convento di Santiago i monaci stanno scavando le loro tombe. Fernand ricorda l'amata Leonore, sul procinto di prendere i voti, quando lei compare, spossata dal dolore e in fin di vita, e chiede perdono a Fernand pregando nella cappella. Subito dopo essere stato ordinato, Fernand incontra Leonore e si sconvolge. Leonore si dichiara innocente e muore ottenendo il perdono dell'amato.
GAETANO DONIZETTI
Nasce a Bergamo il 29 novembre 1797. Di umili origini, riceve i primi insegnamenti musicali alle Lezioni Caritatevoli di Musica di Giovanni Simone Mayr. Dopo un periodo di perfezionamento al Liceo Musicale di Bologna, esordisce nel 1818 con Enrico di Borgogna, per la riapertura del Teatro San Luca di Venezia. Nel 1822 diviene direttore del Teatro San Carlo di Napoli, ruolo che deterrà fino al 1833. Sono anni di frenetica attività compositiva, testimoniati da capolavori come Anna Bolena (1830), L’elisir d’amore (1832),  Lucrezia Borgia (1833), Lucia di Lammermoor(1835), Maria Stuarda (1835), Roberto Devereux (1837). Nel 1835 Gioachino Rossini lo invita a Parigi, dove debutta al Théâtre Italien con Marin Faliero: è la consacrazione internazionale e l’inizio del prolifico legame con la capitale francese per cui compone anche La Fille du régiment (1840) e Don Pasquale (1843). L’8 aprile 1848, reso folle dalla sifilide, muore a Bergamo.
Dates

Thu 22 February, ore 20:00
Wed 28 February, ore 20:00
Sat 3 March, ore 20:00
Sun 25 February, ore 15:30

Prices
Stalls 1 € 100
Stalls 2 € 80
Stalls 3 € 65
Stalls 4 € 50
Boxes € 35
Gallery € 20
Where

Teatro del Maggio Musicale Fiorentino

Piazzale Vittorio Gui, 1
50144 Firenze

Dettagli e mappa