LXXXI Festival del Maggio Musicale Fiorentino
Concerto

NAZZARENO CARUSI

Nel centenario della morte di Claude Debussy

Tra il barocco e l'impressionismo musicale: un programma da non perdere con il pianista Nazzareno Carusi. La libertà formale è ciò che caratterizza maggiormente i Preludi di Claude Debussy: ogni titolo, immagine o suggestione prende forma attraverso le note del pianoforte guidate dalla libera ispirazione del compositore stesso. In evidenza il Primo libro con brani come "Passi sulla neve" o "La cattedrale sommersa”. In alternanza tre sonate di Domenico Scarlatti che costituiscono, dal punto di vista dello stile, un esempio di grande inventiva armonica, con l'impiego di accordi spesso sorprendenti, e di rapidissima mobilità espressiva.

Programma

Claude Debussy
"Danseuses de Delphes: Lent et grave" da Préludes, Premier livre

Domenico Scarlatti
Sonata in la minore K. 109

Claude Debussy
"Les sons et les parfums tournent dans l'air du soir: Modéré" da Préludes, Premier livre

Domenico Scarlatti
Sonata in mi maggiore K. 20

Claude Debussy
"Des pas sur la neige: Triste et lent" da Préludes, Premier livre

Domenico Scarlatti
Sonata in sol minore K. 8

Claude Debussy
"La cathédrale engloutie: Profondément calme" da Préludes, Premier livre

Franz Schubert
Quattro Impromptus op. 90 D. 899

Artisti

Pianoforte
Nazzareno Carusi
NAZZARENO CARUSI
Nato a Celano, ha tenuto il primo concerto all’età di dieci anni e da allora ha suonato per molte delle maggiori istituzioni musicali. Allievo di Alexis Weissenberg e Viktor Merzhanov, due leggende del pianoforte del Novecento, ha pubblicato tra l’altro un triplo Live (EMI) al Teatro alla Scala di Milano (Trii di Mozart e Schumann con i Solisti della Scala), al Teatro Colón di Buenos Aires (Quadri di un’Esposizione di Musorgskij) e alle Jewel Box Series di Chicago (Nove Sonate di Scarlatti), l’album Notturno (EMI), le Sonate op. 120 di Brahms per pianoforte e clarinetto con Fabrizio Meloni (Amadeus) e la Sonata op. 123 di Saint-Saëns per violoncello e pianoforte con Luigi Piovano (Eloquentia). Quest’anno usciranno le sue registrazioni dei Quintetti per pianoforte e fiati di Mozart e Beethoven (Deutsche Grammophon) con le prime parti soliste del Teatro alla Scala (Fabrizio Meloni e Gabriele Screpis) e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (Alessio Allegrini e Francesco Di Rosa) e delle Romanze e Liriche di Francesco Paolo Tosti e Franco Alfano con il soprano Eleonora Buratto (Warner). Consigliere artistico del Concorso Internazionale Pianistico “Ferruccio Busoni” di Bolzano, è titolare della cattedra di Musica da Camera all’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola e al Conservatorio “Antonio Buzzolla” di Adria. Gli è stata attribuita la Menzione Speciale del Premio Giustiniano 2013 “per la assoluta unicità della sua figura nel panorama musicale non solo nazionale. Carusi ha saputo coniugare, a una carriera musicale costellata di successi e riconoscimenti internazionali, un’attività altrettanto intensa e prestigiosa di divulgazione, commento e riflessione musicale sulla stampa, la televisione e tutti i nuovi media”. Autore di articoli, rubriche e documentari per canali televisivi (Mediaset, Istituto Luce – Cinecittà) e testate giornalistiche nazionali (Panorama e Il Giornale), la rivista musicale Amadeus ne ha scritto recentemente come di “un grande della cultura italiana”. Legatissimo alla sua terra d’origine, nel 2012 la Presidenza del Consiglio Regionale dell’Abruzzo gli ha conferito l’onorificenza di Ambasciatore d’Abruzzo nel Mondo “per gli alti meriti artistici e il lustro che ha dato alla sua terra”. È testimonial dell’Associazione Tumori Toscana – Onlus, che offre cure oncologiche gratuite a domicilio.
Date

Lun 4 giugno, ore 20:00

Prezzi
Posto unico € 15
Dove

Sala Orchestra
Teatro del Maggio

Piazzale Vittorio Gui, 1
50144 Firenze

Dettagli e mappa